TEXT_SIZE

L'impresa ciclopica

  Si lavorava in fretta per andare in acqua presto. Ci si credeva, si lottava contro il tempo, i molti contrattempi e le difficoltà.
Francesco ha sostituito, ripristinato e rimesso in funzione molte parti rispettando la regola della minor spesa/massimo risultato. In seguito Francesco è tornato alle sue attività a Genova e Giorgio ha dovuto guardare in faccia la realtà: 20 tonnellate di stazza lorda di lavoro.
Il tempo e l'esperienza in prima persona hanno contribuito a far luce sull'impresa e da quel momento l'atteggiamento nel portare avanti il lavoro è cambiato.

La fretta è stata abbandonata lasciando spazio allo studio approfondito di ogni capitolo di intervento e a scelte effettuate solo dopo verifica personale di ogni possibilità. Molto tempo è stato dedicato allo studio, sia per l'acquisto di materiali e attrezzature, sia per la ricerca delle aziende dove acquistare al miglior prezzo.
Non potendo più contare su un aiuto specializzato (per motivi finanziari), Giorgio, come si suol dire, si è rimboccato le maniche....
All’inizio, in cantiere, c’era molto scetticismo e, in pratica, ha dovuto superare una sorta di “esame di ammissione” quale artigiano capace di concludere lavori a regola d’arte non a parole ma nei fatti. Ciò ha richiesto tempo, osservazione e valutazione da parte degli altri, ma una volta accreditato ha trovato amici disposti a dare una mano, ognuno per la propria competenza. La vita è cambiata. L'impressione di essere in un luogo sperduto si è a poco a poco dissipata permettendogli un'autonomia diversa e un migliore utilizzo del tempo.

In cantiere qualcuno lo aveva simpaticamente soprannominato “la Marmotta” perché stava chiuso dentro la barca, solo, metteva fuori il naso solo per necessità o per assicurarsi che il mondo esistesse ancora, poi tornava dentro la “tana” a lavorare.
Ripensando agli inizi del lavoro, ai freddi inverni, alle estati roventi e al tempo che passava con l’elenco quotidiano delle cose da fare che aumentava anziché diminuire, Giorgio sorride e, messa giù la testa, lavora.

 

 

 

"Grandi imprese e grandi amori richiedono grandi sacrifici". (S.S. il Dalai Lama)

Banner
Banner

Viaggio di Idefix

Sondaggio

Sei mai stato in barca a vela?