TEXT_SIZE

Il saldatore-filosofo detto “Coyote”

Il Coyote È una persona di cui molti parlano, nel bene il più delle volte.
Tutti lo conoscono ma per molti mesi non c’è stata occasione di incontrarlo. Ad un certo punto anche noi avevamo bisogno del saldatore e ha avuto inizio la caccia al Coyote.
“Si si, domani vengo a vedere” e poi trascorre una buona settimana senza novità. E cosi di seguito fino a quando, finalmente è disponibile. Persona riservata, si è svelato con il passar del tempo e il faticare insieme. Con lui abbiamo assaggiato i ravioli fatti in casa più buoni, scoperto i fiori e le erbe selvatiche del parco naturale di Monte Marcello e imparato alcuni segreti del mestiere.

Non sapendo bene come si tratta un Coyote, ci sono voluti giorni e giorni prima di osare chiedere il motivo di questo soprannome. Nel suo stile personale, acuto e ironico, ci confida che è il suo nome di battaglia quando, da bambino, giocava agli indiani, ma di avere anche un nome di battesimo che però nessuno collega alla sua persona. Roberto è un conoscitore della sua terra ed è impegnato nella protezione civile oltre a rivestire ruoli diversi nelle manifestazioni locali.
Ci ha raccontato che, andando ad aiutare le persone isolate dall’alluvione del gennaio 2009, entrato nella casa di una famiglia contadina, in sala si è trovato di fronte a due asini!? La signora, in tutta naturalezza, gli ha spiegato che gli animali erano entrati per salvarsi dall’acqua, ma mentre al mattino erano riusciti a far uscire galline, cani, gatti e il cavallo, gli asini non ne volevano sapere di tornare nella stalla e quindi ci voleva l’aiuto della Protezione Civile. È uno dei migliori esempi dei racconti che il Coyote ci offre fra una saldatura e l’altra.

Ci fa morire dal ridere, ma ci rivela anche il suo animo sensibile e sempre molto rispettoso delle persone e degli animali. Guai a far mancare la ciotola dell’acqua ai cani e al gatto che hanno scelto di rifocillarsi sotto la nostra barca oppure gettare nel bidone le scatole di cibo aperte. Un gattino potrebbe metterci la testa e non riuscire più ad uscirne.
Insegnamento del Coyote: schiacciare sempre le scatole senza lasciare la minima apertura dove potrebbe infilarsi una zampina. Mai dimenticarsene! Con la sua allegria scioglie le tensioni e la sua ironia fonde ogni lega metallica.
Il Coyote

Se manca un pezzo, un raccordo, una qualsiasi cosa di metallo, non c'è problema Il coyote la fa. Armeggia con la saldatrice e la mola, qui sotto la barca, e se non ce la fa va in officina dai suoi amici… una soluzione la trova.

Ha costruito un estrattore per poter sfilare il nostro timone bloccato nella sua sede e ispezionarlo. Nelle sue mani anche il metallo più duro si arrende, si modella e si trasforma… anche in un cuore!

Un grazie affettuoso!

Galleria fotografica

Il Coyote Il Coyote Il Coyote Il Coyote
Banner
Banner

Viaggio di Idefix

Sondaggio

Sei mai stato in barca a vela?